#CoverYourPhone: la campagna social di Alex Zanardi contro l’uso dello smartphone alla guida

Viaggiamo circondati da ’guidatori’ con gli occhi sul telefono! Scusate, non sono un santo, ma vorrei fare la mia parte nel passare parola…”: da questo tweet  di 5 mesi fa è nata la campagna social #CoverYourPhone realizzata da Alex Zanardi in collaborazione con BMW Italia e sostenuta dalla Polizia di Stato.

Nel video che promuove la campagna, Zanardi invita le persone che si apprestano a guidare a coprire lo schermo del proprio smartphone con la cover al contrario e a postare un video analogo sui propri profili social, con l’intento di scoraggiarne l’utilizzo mentre si guida.

Durante la presentazione di #CoverYourPhone realizzata all’autodromo di Vallelunga nei pressi di Roma, Sergio Solero, ad di BMW Italia, invita le persone alla guida a replicare il gesto promosso da Zanardi e a diffondere il video del campione: “Invito tutti a supportare questa campagna sia dal punto di vista dell’informazione, sia della diffusione dei video, sia della ‘viralizzazione’ del gesto di coprire il proprio smartphone quando guidate. Se ognuno di noi facesse un video, replicando il gesto suggerito da Alex, e lo postasse sui propri canali social, contribuiremmo tutti a evitare tanti incidenti e salvare delle vite”.

Anche Santo Puccia, direttore della 1^ divisione del Servizio della polizia stradale, sottolinea: ”Tutti sanno che andare contromano in autostrada è un pericolo mortale in pochi capiscono che usare il telefonino per mandare un messaggio o controllare l’e-mail è come guidare bendati per questo servirebbero sanzioni più pesanti a scopo educativo per far percepire la pericolosità di queste condotte”.
E ricorda che per chi guida con il telefonino in mano è prevista una sanzione di 161 euro e la perdita di 5 punti della patente, e in caso di recidiva entro due anni, scatta la sospensione della patente da uno a tre mesi: “Dopo anni di decremento degli indici di incidentalità e calo del numero delle vittime, purtroppo la tendenza si sta invertendo. Nel primo semestre del 2017 si è registrato un +7% di mortalità sulle strade italiane e questo è un campanello di allarme molto forte. La distrazione rimane il killer numero uno”.

Supportare la  campagna #CoverYourPhone e rendere virale il gesto di coprire lo smartphone puo’ contribuire a una nuova forma di responsabilità sociale e ridurre le distrazioni al volante e numerosi incidenti mortali.


Da Instagram


Da Twitter



About